Come Tonificarsi con il Surf

Sport tradizionalmente legato alle immagini delle onde californiane, il surf, da sport poco praticato e conosciuto in Italia, sta unendo, negli ultimi anni, sempre più appassionati e veri e propri professionisti.

L’ostacolo peggiore sono, da sempre, le caratteristiche naturali del nostro Paese, l’assenza, per gran parte dell’anno, di onde idonee alla sua pratica.

Eppure, complici i nuovi trend, ma soprattutto la riscoperta dei suoi benefici per il corpo, il surf è diventato una nuovo modo per divertirsi e mantenersi in forma durante l’estate.

E’ un’attività davvero completa, poichè interessa diverse facoltà ed attitudini fisiche e richiede, inoltre, grande esercizio anche a livello mentale.

Ecco perchè viene consigliato, da molti esperti, come utile attività per scaricare stress e tensioni,ma soprattutto per migliorare le proprie capacità di coordinazione, equilibrio e concentrazione.

Stare in piedi su una tavola, con una forza imprevedibile, come quella esercitata dal mare, è un’operazione assai complessa, dettata da un delicatissimo equilibrio di forze, tecniche e capacità mentali.

Si tratta di uno sport avventuroso, fatto di tante cadute e molte attese, prima di riuscire a cavalcare l’onda “perfetta”. Ma, una volta sulla cresta, tutti gli sforzi di concentrazione ed impegno vengono ripagati dalla sensazione adrenalinica, di controllare e “domare”, seppur per pochi istanti, l’elemento naturale.

Il surf, perfetto per i più temerari e coraggiosi, coinvolge tutto il corpo ed apporta benefici sia dal punto di vista della tonificazione che da quello dello sviluppo muscolare. Aumenta, inoltre, la resistenza cardiovascolare, ed assicura, mediante la costante resistenza con l’acqua, la perdita di una quantità enorme di calorie. Una più che giusta compensazione per tutte le cadute e risalite che, le prime volte, ci toccherà subire!

Variante interessante e molto praticata in Italia, è quella del kitesurf, che combina l’utilizzo della tavola da surf alla forza del vento, trainati dal cosidetto “trapezio”.
Anche qui l’effetto tonificazione e potenziamento muscolare è assicurato, dal momento in cui ci si mette in acqua, all’esecuzione dei “trick” e durante tutta la sessione di allenamento.

Un’alternativa è il sup, che si pratica con una tavola simile ma che è decisamente meno movimentato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *