Come Preparare Tisane con Malva

Conosciuta per i suoi meravigliosi fiori viola, utilizzati spesso per infusi e tisane, la Malva è una pianta “miracolosa” conosciuta ed usata fin dai tempi più remoti, tanto che nel XVI secolo in Italia si è “meritata” il nome di omnimorbia, cioè rimedio per tutti i mali.

Ancora oggi viene infatti “prescritta” per molti disturbi: combatte la tosse, le irritazioni della cavità dei denti, dello stomaco, dell’intestino e delle vie urinarie, è un decongestionante per gli occhi, elimina le afte della bocca, ha effetti lassativi, riesce a lenire l’infiammazione di una puntura d’insetto ed in cosmetica, come infuso, aggiunto all’acqua del bagno può avere un effetto emolliente ed idratante sulla pelle.

Qui in basso una lista dei preparati di malva per alcuni disturbi:

Faringite
Fate bollire per 10 minuti 40 grammi di fiori di malva, usatelo caldo per sciacqui e gargarismi 4 volte al giorno.

Intestino pigro
Mangiate a cena malva lessata condita con olio extravergine di oliva e sale.

Nervosismo
Fate bollire per 20 minuti 40 grammi di fiori di malva, quindi bevetene 2 tazze al giorno.

Tosse e Raffreddore
Fate bollire per 3 minuti 6 foglie fresche oppure 2 pizzichi di foglie essiccate di malva in una tazza di latte, filtrate il composto, un pò di miele, quindi bevete caldo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *